Sedotta e sclerata | Il teatro delle emozioni in scena al Vascello

6 0
Reading Time: 2 minutes
Read Time:2 Minute, 17 Second

Prende vita a Roma il romanzo di Ileana Speziale che, con la regia di Alfonso Paganini e le  coreografie di Kristian Cellini, ha emozionato i numerosi artisti ospiti al Teatro Vascello per  vivere insieme un momento dedicato all’arte e alla sensibilizzazione sul tema della sclerosi  multipla.

Conclude in modo eccezionale il mese di luglio che, nella sua ultima calda serata, ha visto la  realizzazione dello spettacolo “Sedotta e Sclerata Ballet”: una storia tratta dal romanzo di  Ileana Speziale e raccontata con il linguaggio della danza grazie ad un corpo di ballo  selezionato dall’artist manager Antonio Desiderio e diretto da Alfonso Paganini.

Con le  coreografie di Kristian Cellini, le musiche originali del maestro Stefano Simmaco e la voce  narrante di Barbara De Rossi, la storia di Emily, ventenne in preda alla giovinezza e alla  passione fino al momento della diagnosi di sclerosi multipla dal quale ha avuto la forza di  andare avanti, ha commosso gli innumerevoli artisti presenti in sala.

“Sedotta e Sclerata è la realizzazione di un sogno, Sedotta e Sclerata Ballet è il continuo di  questo sogno.” – dichiara l’autrice Ileana Speziale alla conduttrice Miriam Galanti –  “Raccontiamo non una storia con protagonista la sclerosi multipla, ma in cui la malattia è  il nemico subdolo e la resilienza è una straordinaria eroina.

Speriamo che questa storia  possa essere da esempio per tanti, perché la vita è straordinaria e va vissuta appieno verso i  sogni ed oltre”. Parole sulle quali prosegue l’intervento dell’entusiasta Presidente  dell’associazione AISM Francesco Vacca.

Inaugurata la serata con l’Inno d’Italia, cantato dall’ambasciatrice della cultura italiana nel  mondo e madrina della serata Ekaterina Bakanova, è stato lasciato spazio al linguaggio del  corpo, ai colori pastello degli abiti di scena e alle musiche per narrare la storia che più di  due milioni e mezzo di persone nel mondo hanno vissuto e vivono.

A dichiarare il successo dello spettacolo sono stati gli ospiti stessi del Teatro Vascello tra cui  Valeria Marini, il soprano Alma Manera, l’attore e regista Lorenzo Tiberia, l’attrice  Antonella Salvucci con Mario Basile, il ballerino Vincenzo Bumbaca, i fratelli Vincenzo e  Roberto Bilotti, l’attrice Monica Paolucci, l’attrice e cantante Ludovica Lirosi, Simona  Borioni con Massimiliano Pulciani, il maestro Roberto Colavalle e Maura Mastrangelo, il  senatore Briziarelli e tanti altri immortalati dal fotografo Diego D’Attilio.

Sabato 31 luglio un nuovo premio è stato riposto sullo scaffale dell’Arte che, anche questa  volta, è stata in grado di far superare, direi esorcizzare, un male apparentemente  invalicabile. Torna delusa a casa, la sclerosi multipla che, questa volta, non ha trovato  alcuna compassione ma l’unica cura ad oggi conosciuta: la resilienza della sua eletta e il  supporto dei suoi amici.

di Francesco Roberto Innocenzi

About Post Author

Francesco

Mi chiamo Francesco Roberto Innocenzi e sono nato il 28/10/2002 a Roma, dove ho conseguito con lode il diploma di maturità e ora studio Giurisprudenza. Dall’età di 14 anni mi impegno nel sociale e, fedele ai principi dell’etica, mi appassiona promuovere la Cultura in ogni sua forma!
Happy
Happy
75 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
25 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Previous post Fede, speranza e carità: L’associazione che tende la mano agli ‘ultimi’
Next post I cani custodi