#BACHECAPOSITIVA

LA BELLEZZA AL SERVIZIO DELLA SOLIDARIETÀ: Jamal Taslaq dedica la sua sfilata a Mondo Solidale Onlus

IMG 8893Una serata dedicata all’arte, all’eleganza, alla bellezza, alla musica e alla solidarietà è andata in scena mercoledì 26 giugno nell’incantevole Coffee House di Palazzo Colonna, dimora storica settecentesca, che si è resa scenario del charity event di Mondo Solidale Onlus. L’associazione benefica presieduta dalla Sig.ra Rita Leo Valentini opera in Kenya a sostegno dei bimbi bisognosi africani, delle donne e di tutta la popolazione che necessita di cure mediche ed ospedaliere portando degli aiuti concreti e materiali ad una popolazione fortemente in difficoltà. Lo Studio Legale e Tributario Leo Associati, che ha anch’esso sede a Palazzo Colonna, ha sostenuto il fund raising in questa serata speciale dedicata ai bambini africani.

Lo stilista italo- palestinese Jamal Taslaq ha suggestionato gli oltre duecento ospiti intervenuti, fra cui Gigi D’Alessio e Pupo, portando in scena venti capi iconici delle sue collezioni, che hanno calcato le passerelle internazionali. La serata è stata condotta e curata con passione da Elena Parmegiani, Direttore Eventi della Coffee House di Palazzo Colonna. Vincenzo Bocciarelli ha recitato intensamente le parole di Gabriel Garcia Marquez  su “Il Senso della Vita” di Gabriel e Cinzia Tedesco ha dato una sua originale interpretazione, in chiave jazzistica, del celeberrimo brano “New York New York”. 

La scrittrice e regista Marilù S. Manzini con il suo quinto romanzo rivela alla presentazione di Milano: ognuno di noi si sente in gabbia.

 

Marilù S. Manzini scrittrice di successo, pittrice, scultrice, fotografa, giornalista e recentemente regista di un film, in uscita nei prossimi mesi, tratto da un suo noto libro: “Il Quaderno Nero dell’Amore”, ha venduto con i suoi romanzi oltre 250.000 copie. Il film, che la vede dietro la macchina da presa, s’intitola “QN” e oltre al soggetto, Marilù ha curato la sceneggiatura.

La Manzini ha presentato a Milano, nella prestigiosa Casa Museo Alda Merini, il suo quinto romanzo “La Cura della Vergogna” insieme al giornalista e scrittore Ruggiero Capone e allo scrittore Gianfranco Carpine responsabile dello stesso Museo.

Intervenuti all’incontro, oltre alla sociologa Deborah Bettega che ha accolto gli ospiti, l’ex ministro Giancarlo Pagliarini, l’attore Christian Stelluti, il consigliere regionale Antonello Formenti, l’ex calciatore Davide Belotti, ecc.

Ora in questo suo quinto libro, “La Cura della Vergogna” edizioni Bietti, un saggio di psicologia sotto forma di romanzo, una storia di formazione e crescita, di lenta e progressiva costruzione della consapevolezza di sé, la Manzini rivela che ognuno di noi si sente chiuso in una gabbia.

La “Cura della Vergogna” è il racconto su due piani, uno in forma epistolare e uno che entra nel vivo dell’azione, di una maturazione affrontata attraverso una serie di prove tanto estreme quanto, a volte, strambe. Un nipote e un nonno si trovano, si scontrano attraverso i passaggi di una terapia d’urto che, non senza difficoltà e in un crescendo dalle atmosfere quasi thriller, porterà il giovane protagonista a superare una timidezza patologica e a riscoprire le proprie potenzialità e il proprio valore.

La storia è quella di un trentenne blindato nella sua gabbia di solitudine e paure. Un nonno psichiatra novantenne, che rompe quelle sbarre e lo costringe a uscire allo scoperto con la forza della saggezza, dell’ironia, dell’amore. Due vite, due destini a confronto che s’intrecciano nei loro sogni e fallimenti, per restituire le diverse tappe di quella formidabile avventura umana che a ciascuno di noi tocca attraversare.

Marilù S. Manzini ha voluto materializzare in una performance, alquanto inedita,       una sua sensazione di disagio riguardo la complessità della vita rinchiudendosi in una gabbia dorata che rappresenta una protezione e una difesa dal mondo esterno.

Costruiamo mentalmente intorno a noi una cella come riparo, ma nonostante ciò non riusciamo ad essere completamente noi stessi: rimaniamo prigionieri nel nostro spazio virtuale, intrappolati, senza poter fuggire in una gabbia dorata, tanto bella quanto deleteria.

I giardini del popolo italiano, dove la fratellanza diviene musica. di Antonio Tarallo

IMG 20190602 192406 160L'Italia che si è assaporata ieri è un Italia differente da quella che comunemente siamo abituati a vedere raccontata sui giornali e sui social.  Non una grande agorà, dove ognuno vuole avere ragione. Ieri si è vissuto un unico respiro che aveva sapore dolcissimo: quello della fratellanza. Ieri, in occasione della festa della Repubblica, i giardini del Palazzo del Quirinale, sede del Presidente della Repubblica, erano aperti alla “grande famiglia” – definiamola pure così – che è il popolo italiano.

Nell'entrare il colpo d'occhio, a livello artistico, è grande, imponente e suscita stupore. E’ stata un Italia differente quella di ieri. Un'Italia che non vede divisioni, steccati e barriere. La musica delle diverse bande militari che si sono alternate nel pomeriggio, hanno creato un’atmosfera di altri tempi, e il vedere la partecipazione serena, sorridente, di molti italiani ha dato un po’ di calore a una umanità quasi persa.                           
Dà speranza, questo evento ormai consolidato dalla presidenza Ciampi, a un Italia troppe volte martoriata e che siamo abituati a vedere sempre divisa in piccole controversie che invece, forse, potrebbero essere superate dal buon senso, unico strumento di costruzione civile.

So bene che tutte queste parole possono sembrare agli occhi di molti, un cumulo di banalità, perché – diciamoci pure la verità – quando si parla di nazione, quando si parla di patria, quando si parla di valori così semplici, siamo ormai abituati a cadere nell’idea che tutto ciò è banale. E, in un mondo dove il semplice, il genuino è messo di un angolo, non nascondo che è difficile andare controcorrente. Eppure, la manifestazione di ieri, è stata in pieno spirito di “inclusione”, di fratellanza, di pace, e direi gioia. Infatti, sono stati molteplici gli episodi che potevano destare a uno sguardo un po' più attento, considerazioni e riflessioni varie. E il bello che tutto ciò non poteva che nascere dal sentimento, parola arcana ormai del Tempo di Oggi.

Finale dei Giochi Matematici-Università Bocconi di Milano

IMG 3919 21 05 19 12 13 con il sole sul visoLo scorso 11 maggio, presso l’Università Bocconi di Milano, si sono svolte le finali dei Campionati di Giochi Matematici; bambini e ragazzi, divisi in categorie e provenienti da tutta Italia, si sono incontrati per sfidarsi tra loro a suon di numeri.

Lo slogan del Centro PRISTEM dell’Università che organizza tali giochi è “Logica, intuizione e fantasia”. Questo come conferma che, per affrontare queste gare matematiche, non è necessaria la conoscenza di teoremi o formule particolarmente impegnative, ciò che occorre è la voglia di giocare, un po’ di  fantasia, curiosità e quella spiccata intuizione che ti porta a  risolvere intriganti problemi.

Per la città di Reggio Calabria si è distinto il Convitto Nazionale “Tommaso Campanella” che , con grande orgoglio, ha visto due suoi alunni accedere alle finali. Gloria Vazzana classe 2^B della scuola secondaria di primo grado per i Campionati Internazionali categoria C1 ed il piccolo Mikhael Mafrici classe 5^C della scuola primaria per i Campionati Junior, sono stati accompagnati dalla referente d’Istituto per i giochi matematici, la professoressa Caterina Maria Ielo. Orgogliosa del livello di eccellenza raggiunto dall’Istituto, ha seguito con amore e professionalità tutti i ragazzi partecipanti durante l’intero iter ed accompagnato i due finalisti giorno 11 maggio u.s. presso l’Università Bocconi.

Le difficoltà dei giochi sono previste in funzione delle diverse categorie,in questo caso, questi due giovanissimi, si sono sfidati nella C1 (per gli studenti di prima e seconda della scuola secondaria di primo grado) e nella categoria Junior (riservata alle classi quarte e quinte della scuola primaria ed organizzata  con la collaborazione dell’associazione madeinitaly).

All Together Now una trasmissione con il sole sul viso!

40a8eacf 4b5c 425b 838b 7aacf3777ee7Game show musicale tra talento, belle emozioni e divertimento... in arrivo su Canale 5

Nell’amato e discusso panorama televisivo italiano, trasformato nel tempo dai nuovi linguaggi veicolati dal mondo dei social e del web, con spesso la scusa “la televisione è lo specchio della società” (mi rifiuto di condividere  questo pensiero, il pubblico è molto più intelligente di quanto si creda) arriva un “colpo di scena “ che si preannuncia (stando a quello che si dice tra gli addetti ai lavori) come un piccolo miracolo e vi spiego perché:
Uno sforzo produttivo notevole per Endemol Shine Italy e Mediaset, un tentativo coraggioso di sperimentare un nuovo format (riadattato per l’Italia) con l’idea però di un bel futuro e Canale 5, conferma con questa scelta la volontà editoriale di puntare su qualità e innovazione ed All Together Now Italia è una bella sfida positiva. Nel palinsesto si arriva in un periodo  non certo blindato come quello della primavera/estate, con una  controprogrammazione su Rai uno di tutto rispetto (le repliche di Montalbano) ma con la certezza e la responsabilità di una macchina organizzativa con numeri importanti, tra cast artistico e tecnico, pool autorale, Vocal coach, 50 concorrenti, redazione, reparti trucco, parrucco, costumi, comunicazione stampa, super ospiti (...)

Conosciamo bene per chi vive del proprio lavoro artistico o comunque opera nel mondo delle arti dello spettacolo, quanto sia sempre in salita la strada per trovare degli spazi dignitosi dove esprimere vocazione e formazione e sopratutto lavorare con continuità, affermando il proprio status di artisti-lavoratori autonomi e liberi professionisti (mai totalmente riconosciuti) e nei  fatti, produzioni come questa vanno  lodate con riconoscenza, perché offrono l’occasione di poter lavorare in un “Prodotto Sano”.

La garanzia di grande professionalità e leggerezza la sigla con il suo bellissimo sorriso Michelle Hunziker, padrona di casa che fa della sua spontaneità il suo punto di forza! Con J-ax crea l’assist giusto per ogni situazione,  come si nota già dagli spot che sono un Ping pong di bella energia tra i due che sono diventati grandi amici, tanto da tirar fuori una nuova  Mich in stlile zio J-Ax, una ” MichKere” con un “attitude” da Trap Queen! il singolo  già in “tendenze” è un  vero divertisment con tanta ironia fuori da ogni ipocrisia!